WhatsApp +39 348 4731223 info@tbizart.com

Il ritorno di Galliano da Maison Margiela si pone come punto cruciale di un trend già avviato e in crescita, che punta sulla creatività e l’anticonformismo, in contrapposizione al sistema anonimo dominato dalle logiche della finanza e del marketing.

Un ritorno non solo per lo stilista ma anche per una parte creativa e un’anima artistica che la moda ha trascurato negli ultimi anni.

Dietro l’operazione John Galliano non poteva che esserci un italiano come Renzo Rosso che ha deciso da imprenditore visionario e perspicace quale è, di puntare sulla creatività, futuro di una società non omologata e cosmopolita.

Un palazzo londinese vicino a Westminster e 150 invitati per il ritorno più atteso dal mondo della moda nel 2015, il debutto di John Galliano da Maison Margiela per la collezione d’alta moda Artisanal. Pochi ma buoni, si perché c’era proprio tutto il fashion system che conta: da Anna Wintour, ai grandi stilisti come Christopher Bailey di Burberry, Alber Elbaz di Lanvin, Nicola Formichetti di Diesel e Manolo Blahnik; dalla top Kate Moss al fotografo Nick Knight.

john-galliano-maison-margiela

I 25 look sono un crescendo d’arte e di storia del costume con modelle- muse uscite da una favola moderna, che prendono spunto dal cabaret anni 20, dal surrealismo e dalla grande artista e stilista Elsa Schiapparelli. Punta di diamante della collezione è l’abito finale, un vestito da sposa-regina, in oro e rosso con il volto coperto da pizzi e perle e punte a creare una corona, che sul petto portava una composizione con Madonna e bambino dentro tulle e decori. E alla fine un coup de théâtre, mentre tutti stavano andando via sono uscite nuovamente le modelle con indosso, al posto degli abiti, i cartamodelli e le tele sartoriali bianche imbastite per mostrare ciò che sta dietro l’abito, il processo creativo.

galliano-maison-margiela

John Galliano è tornato con un’umiltà incredibile, rinunciando alle sue uscite spettacolari ma salutando i suoi invitati con il camice bianco della maison affermando poi: “Voglio che sotto i riflettori ci siano solo i miei abiti”. Sicuramente oltre agli abiti, sotto i riflettori ha riportato il suo genio creativo di cui ne sentivamo tutti la mancanza!

Commenta anche tu

commenta anche tu

Share This

Share This

Share this post with your friends!